SUDEST57
Via R. Boscovich, 50
20124 Milano
Italy

Tel: +39 (0) 22043531
Fax: +39 (0) 220403199
Mail: info@sudest57.com
EXHIBITION
February 20, 2018
Lorenzo Vitturi – Solo Show at T293, Roma

Lorenzo Vitturi espone le sue fotografie delle atmosfere del Balogun Market, a Lagos, in Nigeria, alla galleria T293 di Roma. Natural Man-Made, Oyinbo and Moving Beats è la mostra che raccoglie le opere nate dalle suggestioni del mercato più grande di Lagos, il Balogun Market. Si estende per le vie dell’isola cittadina, con i suoi colori e la sua vitalità.

Lo sguardo di Lorenzo Vitturi però si è posato anche sul fatiscente Financial Trust House, il palazzo di 27 piani utilizzato in passato dalle multinazionali e ora abbandonato. Accanto ai colori del mercato, il grigiore della struttura in disuso, ormai solo piena di sabbia del deserto.

La mostra sarà aperta da sabato 24 febbraio a sabato 24 marzo 2018. Per maggiori informazioni, potete visitare il sito della galleria T293. Per avere maggiori informazioni sui progetti e le attività di Lorenzo Vitturi, puoi visitare la pagina dedicata sul nostro sito oppure scriverci una mail a info@sudest57.com

 

Vitturi Balogun Market T293

ADVERTISING
February 5, 2018
Duane Michals – Loewe AW2018 Men

Loewe ha scelto Duane Michals per la sua collezione AW2018 Men.

Loewe Michals 2018

 

 

Il tema, uno spettacolo di magia. Il prestigiatore, l’attore inglese Josh O’Connor, con il suo cappello a cilindro e il mantello, insieme alla sua assistente gioca con il modello Erik Frey che indossa la collezione di Loewe.

 

Loewe Michals 2018

Loewe Michals 2018

Loewe Michals 2018

Loewe Michals 2018

 

 

Il set è il teatro Reina Victoria di Madrid, le cui scenografie sono state pensate e prodotte da Michals.

Loewe Michals 2018

 

Guarda il progetto completo sulla pagina dedicata del nostro sito. Per maggiori informazioni su Duane Michals e sul progetto, potete scrivere una mail a info@sudest57.com

Loewe Michals 2018

EXHIBITION
January 24, 2018
Steve McCurry, Icons – Scuderie del Castello Visconteo, Pavia

Aprirà il 3 febbraio la tappa di Pavia della mostra di Steve McCurry “Icons”. Dedicata alle sue foto più famose, la mostra è curata da Biba Giacchetti e organizzata da Sudest57, Civita Mostre e ViDi.

 

McCurry Pavia

 

EXHIBITION
January 8, 2018
PROROGATA Steve McCurry, Leggere – WE GIL, Roma

Ancora una volta le fotografie di Steve McCurry incantano il pubblico: “Leggere” al WEGIL di Roma è stata prorogata fino al 28 gennaio 2018.

Per avere maggiori informazioni sugli orari di apertura, visitate il sito del WEGIL.

McCurry Roma Leggere

EXHIBITION
December 6, 2017
Steve McCurry, Leggere – WE GIL, Roma

Immagine e parola si incontrano nella mostra “Leggere” di Steve McCurry, che apre a Roma il 7 dicembre. Dopo i Musei Santa Giulia di Brescia, la sede della seconda tappa della mostra dedicata alla lettura è il WEGIL, lo storico edificio fascista sede della GIL, nel cuore di Trastevere.

McCurry Roma Leggere

La passione per la lettura

Le 40 fotografie di McCurry sono state scelte da Biba Giacchetti tra quelle pubblicate in “On Reading“, uscito in Italia per Mondadori con il titolo di “Leggere”. A Roma troverete un estratto potente dell’attenzione che McCurry ha messo nel fotografare la passione per i libri. Molti gli scatti di persone prese nell’atto intimo e solitario della lettura, chine sui loro testi durante le piene dei monsoni o davanti alle macerie della guerra.

Ma libro significa anche educazione: molte le foto che McCurry ha scattato nelle scuole, anche improvvisate o a cielo aperto. Non importa: maestri e alunni sono ugualmente concentrati sulla lettura.

 

McCurry Roma Leggere

 

La mostra è curata da Biba Giacchetti, organizzata da LazioCrea e Sudest57, con gli allestimenti di Peter Bottazzi e i testi e citazioni di Roberto Cotroneo. Aperta dall’8 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 al WEGIL, largo Ascianghi 5.

Per maggiori informazioni sugli orari di apertura della mostra, potete visitare il sito della sede WEGIL.

PROJECT
November 10, 2017
Joey L. – We Came From Fire

We came from fire è il primo libro di Joey L., che raccoglie le foto del suo viaggio in Iraq e Siria compiuto nel 2015.

Book We Came From Fire Joey

Il reportage: i volti della guerra in Siria

Un viaggio di sicuro non facile. I problemi però cominciano fin dall’aeroporto: la sua destinazione (non Cancun come aveva detto alla mamma) è Sulaymaniyah, la cittadina dell’Iraq da raggiungere con uno scalo in Turchia. La stessa porta d’ingresso usata dai tanti foreign fighters per raggiungere lo Stato Islamico. Viaggiare da solo con la tanta attrezzatura per i suoi scatti non lo aiuta.

Arrivato in Iraq, con un complesso itinerario di un giorno per evitare i luoghi controllati dall’Isis, Joey e la sua guida locale Jan Ezidxelo raggiungono Makhmour, città curda dell’Iraq. E poi Duhok e Zakho fino alle montagne della Siria attraverso un fiume. Come racconta in un post sul suo blog, è fondamentale avere una persona fidata del posto che possa guidarti. Purtroppo non si può usare Google Maps, visto che non ha l’opzione “evita i check point dello Stato Islamico”.

Attraverso questo reportage e questo libro Joey vuole umanizzare con i suoi ritratti una guerra così distante come quella in Siria. La lotta allo Stato Islamico nel 2015 occupava le prime pagine dei giornali e l’attenzione di Joey era stata colpita da un particolare nel grande panorama dello scontro: i guerriglieri curdi, che combattevano sì per la liberazione dall’Isis, ma soprattutto per ottenere la tanto agognata indipendenza, come gli racconteranno loro stessi.

 

Joey L Book Guerrilla Syria

 

Questi soldati saranno l’oggetto di indagine di Joey, confluito poi nel libro. Alla sua guida infatti chiedeva di fotografare persone, non scene di conflitto. E i visi e i gesti dei guerriglieri e delle guerrigliere sono ciò che emerge più distintamente dalle pagine del suo reportage.

 

Joey L Book Guerrilla Syria

Joey L Book Guerrilla Syria

Joey L Book Guerrilla Syria

 

Il libro

Potete ordinare il libro We Came From Fire dal suo sito ufficiale oppure scriverci una mail a info@sudest57.com per maggiori informazioni sul progetto. Oltre al libro, potrete avere anche una sua stampa firmata del reportage.

 

Book We Came From Fire Joey

Book We Came From Fire Print Joey

Joey-L-Signed-Print Joey

 

Joey L. è rappresentato da Sudest57. Per avere maggiori informazioni sul fotografo e sui suoi progetti, potete visitare la sua pagina nel nostro sito sudest57.com oppure scrivere una mail a info@sudest57.com. Per rimanere aggiornati sulle sue attività e di tutti i nostri fotografi, seguiteci su Facebook, Instagram e LinkedIn.

EXHIBITION
October 30, 2017
“Steve McCurry World” – Alfandega do Porto

Dopo la Reggia di Venaria e il Palais de la Bourse di Bruxelles, è la città di Porto a ospitare Steve McCurry World. La grande retrospettiva è stata organizzata da Sudest57 e Civita Mostre. È curata da Biba Giacchetti con il progetto espositivo di Peter Bottazzi.

La mostra sarà aperta fino al 31 dicembre. Per maggiori informazioni visita il sito www.stevemccurryworld.com

Steve McCurry è rappresentato da Sudest57. Per maggiori informazioni riguardo ai suoi progetti e le sue stampe fine art, potete scrivere all’indirizzo info@sudest57.com

 

Porto McCurry

NEWS
October 17, 2017
Afghanistan – Steve McCurry

Steve McCurry è tornato in Afghanistan un numero impressionante di volte nella sua quarantennale carriera. Con Taschen è stato pubblicato il suo libro dedicato alla Terra Ribelle, come gli stessi afgani amano chiamarsi.

 

Afghanistan McCurry Cover

 

Il suo primo viaggio in Afghanistan non è stato tranquillo: nel 1979 McCurry supera il confine con il Pakistan con gli abiti da mujahiddin insieme a un gruppo di guerriglieri afgani. L’occasione? Arrivato in Pakistan, a Chitral, dopo un lungo viaggio in India, McCurry scopre delle tensioni che serpeggiano in Afghanistan, tra il governo ufficiale filosovietico e la resistenza dei mujahiddin. Le persone che gliene parlano gli chiedono di entrare e testimoniare per primo con le sue foto il conflitto.

Tra le prime immagini di questa guerre, ci sono proprio le sue foto in bianco e nero, salvate dalle perquisizioni ai check point afgani solo dopo aver cucito agli abiti i rullini. Pubblicate su tutti i giornali del mondo e sul New York Times nel dicembre 1979, portano alla ribalta sia il conflitto, ma soprattutto la tecnica e lo stile di questo fotografo americano ancora sconosciuto.

 

 

McCurry e l’Afghanistan: l’incontro con Sharbat Gula

Afghanistan McCurry

Ma l’Afghanistan non aveva finito ancora le sorprese per McCurry. La guerra con l’Unione Sovietica aveva obbligato la popolazione afgana a scappare verso il Pakistan. È proprio nel campo profughi di Nasir Bagh, a Peshawar, che entra in una classe di ragazze durante una lezione e scatta la sua fotografia più famosa. Lo sguardo di Sharbat Gula colpì il mondo intero dalla copertina del National Geographic fin dal primo sguardo.

Da quel momento McCurry è tornato in Afghanistan per documentare sia i conflitti e le ingiustizie, ma soprattutto i suoi paesaggi mozzafiato, le tante etnie e la perseveranza di queste persone.

 

Afghanistan McCurry

 

Afghanistan McCurry

 

Afghanistan McCurry

 

Potrete trovare il libro in vendita in tutte le librerie oppure ordinarlo sul sito di Taschen.

 

Steve McCurry è rappresentato da Sudest57. Per ulteriori informazioni riguardo i suoi lavori o stampe fine art, potete inviare una mail all’indirizzo info@sudest57.com Per rimanere aggiornato sulle sue attività, potete seguire la nostra pagina Facebook, Instagram e LinkedIn.

PROJECT
September 26, 2017
Storm Studio – Fantastic Creatures

 

Storm Studio presenta il nuovo progetto personale Fantastic Creatures. Con una campagna pubblicitaria molto particolare vuole ringraziare gli animali compagni di ogni giorno per l’affetto che sanno dare.

 

Fantastic Creatures con Magic Bites

Storm Studio ha trasformato i teneri compagni di tutti i giorni in maestosi animali leggendari. Come? Con i Magic Bites, crocchette dai poteri straordinari. Mangiandole, un carlino può diventare un cane a tre teste, il suo musetto si potrà triplicare. Al gattino di casa potranno spuntare le ali di un drago, mentre la placida tartaruga potrebbe rivaleggiare con Godzilla. E voi, quale scegliereste per il vostro animaletto?

 

Storm FANTASTIC CREATURES

 

FANTASTIC CREATURES

Fantastic Creatures

 

 

Photography: Eolo Perfido
Compositing and CGI: Fabio Timpanaro
Model: Brianeno
Production and Backstage: Antonella Catanese
© STORM STUDIO

 

Storm Studio è rappresentato da Sudest57. Per rimanere aggiornati sulle sue attività, potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, Instagram e LinkedIn oppure scrivici una mail per essere inserito nella nostra newsletter.

EXHIBITION
September 12, 2017
Elliott Erwitt, Personae – Musei San Domenico, Forlì

Elliott Erwitt arriva a Forlì con la mostra Personae. Le fotografie saranno esposte ai Musei San Domenico da sabato 23 settembre.

 

 

ERWITT PERSONAE

 

 

Personae: 170 foto di Elliott Erwitt a Forlì

La retrospettiva del fotografo americano raccoglie per la prima volta le foto a colori e le sue icone in bianco e nero, in due diversi formati. Filo conduttore, il racconto dell’individuo e delle sue maschere, anche nella sezione dedicata al suo alter ego, André S. Solidor.

La mostra vi accoglierà con le sue foto più famose in bianco e nero: il Paris Jump, California Kiss o le icone di Marilyn, Che Guevara e Grace Kelly. Le ultime tre sale sono riservate alle foto a colori. Pubblicate per la prima volta nel libro KOLOR nel 2013, sono la parte principale e più consistente della mostra. Una sala è dedicata anche alle foto canzonatorie di André S. Solidor, che irride al mondo dell’arte contemporanea con le sue creazioni surreali.

All’interno della mostra, un video racconterà anche l’esperienza di Elliott Erwitt da regista. Tre estratti dal suo altrettanto fornito archivio cinematografico.

Erwitt Personae Forli

Venerdì 22 settembre incontro tra Elliott Erwitt e Roberto Cotroneo

L’inaugurazione della mostra sarà segnata dall’intervista di Roberto Cotroneo a Elliott Erwitt. Sarà lui stesso a introdurci per primo nel percorso delle foto. Se non avrete la possibilità di vedere dal vivo l’autore, non temete. Inclusa nel biglietto, ci sarà l’audioguida con le informazioni raccolte da Biba Giacchetti, curatrice della mostra. Oltre alla sua personale conoscenza di Erwitt, Biba ha cercato con pazienza aneddoti e curiosità riguardo le sue foto, per darci un estratto prezioso del dietro le quinte.

Personae sarà aperta ai Musei San Domenico di Forlì dal 23 settembre 2017 a domenica 7 gennaio 2018. Per maggiori informazioni riguardo gli orari e i biglietti, potete visitare il sito dedicato mostraerwittforli.it

La mostra è curata da Biba Giacchetti, con il progetto grafico e di allestimento di F. G. Confalonieri, organizzata da Civita Mostre con la collaborazione di Sudest57.

 

 

Erwitt Forlì Personae

USA. Reno. Nevada. 1960 “The Misfits” © Elliott Erwitt/MAGNUM PHOTOS

 

 

Elliott Erwitt è rappresentato da Sudest57. Per maggiori informazioni riguardo le sue attività o le sue mostre, potete scrivere una mail al nostro indirizzo info@sudest57.com

 

Archive »